Guida di Siracusa

English pages

XXXIV spettacoli '96

XXXV spettacoli '98

Santa Lucia

Riepilogo storico

Chiesa Santa Lucia

Chiesa San Giovanni

Catacombe Siracusane

Santuario della Madonna delle Lacrime

Museo archeologico regionale PAOLO ORSI

Parco Archeologico

Latomie

Santuario di Apollo

Tomba di Archimede

Il tempio di Apollo

Duomo

Palazzo del Senato

Teatro Comunale

Museo Bellomo

Fonte Aretusa

Castello Maniace

Ginnasio Romano

Ciane ed il papiro

L'Olympieion

Castello Eurialo

La Provincia

Notizie utili


 

Il Parco Archeologico della Neapolis

Il Parco Archeologico della Neapolis di Siracusa

Parco Archeologico Neapolis Il così detto Parco Archeologico della Neapolis (dal greco "nuova città "), che ospita la maggior parte dei monumenti classici della Siracusa greca e romana, fu realizzato, con i fondi della Cassa per il Mezzogiorno tra il 1952 ed il 1955, con lo scopo di riunire in un unico ed organico complesso i maggiori monumenti di quell'antico quartiere.

Prima della costituzione di questo "Parco", dall'estensione di 240.000 mq., i monumenti si trovavano in un contesto molto frazionato di proprietà private.

Proprio all'ingresso del parco troviamo la "Basilica di S. Nicolò dei Cordari" (XI secolo d.c.), che oggi accoglie un ufficio turistico.

Ma il primo vero monumento che si propone alla visita del parco è l'"Anfiteatro Romano" (II-IV secolo d.c.), posto quasi di fronte alla basilica, che rappresenta una delle realizzazioni edilizie più rappresentative della prima età imperiale romana.

Immediatamente a ovest dell'Anfiteatro incontriamo l'"Ara di Ierone II" (III secolo a.c.), che rappresenta la terza grande opera monumentale che ci è pervenuta dell'antico quartiere della Neapolis .

Più avanti, sulla destra, nelle immediate vicinanze del "Teatro Greco" (V secolo a.c.) che è il più grande teatro della Sicilia ed uno dei maggiori dell'intero mondo greco, si incontrano le "Latomie", tra cui la più interessante è la "Latomia del Paradiso", attraverso cui si giunge alla più famosa delle grotte di questo parco: quella detta "Orecchio di Dionigi", che costituisce la maggiore attrazione, assieme al teatro greco, per i turisti che visitano Siracusa.

Fuori dal recinto del Parco Archeologico, più a Sud, all'inizio della cosiddetta Via Panoramica che porta alla sommità del colle Temenite, vi è un Teatro Arcaico scavato nella roccia con cavea rettilinea anzichè curva, detto "Teatro Lineare".

Per completare il quadro dei rinvenimenti archeologici nel Parco bisogna menzionare le opere di esplorazione, eseguite negli anni '50, riguardanti soprattutto il " Santuario di Apollo Temenite".

Ai limiti orientali del Parco Archeologico all'incrocio tra viale Teracati e via Romagnoli, visibile dall'esterno, vi è la "Necropoli Grotticelle", con le sue numerose tombe scavate nella roccia, tra cui quella detta "Tomba di Archimede".

Gli orari di visita sono i seguenti:

  • Tutti i giorni compresi i festivi dalle ore 9.00 a 2 ore prima del tramonto.

 

 

 

 

Siracusa On Line - Internet Edition 

 

  96100 Siracusa -
È Vietata la riproduzione totale o parziale senza il consenso scritto dell'editore
Reproduction in whole or in part without express written permission is prohibited

 

\n